CDR sostiene “un maestro toscano del ‘900”

Inaugurata la mostra delle opere di Mario Romoli, realizzata grazie a CDR presso il museo della Vite e del Vino di Rufina, alla villa medicea di Poggio Reale. La mostra, dedicata a questo esponente inquieto e indipendente dell’arte contemporanea, è costituita da un allestimento che entrerà a fare parte, in modo stabile, della collezione museale della villa medicea. Comprende i lavori più importanti e significativi dell’artista fiorentino, figura di spicco della pittura toscana del ‘900.

contenuto crd arte

L’esposizione delle opere più importanti e significative dell’artista fiorentino, figura di spicco della pittura toscana del ‘900, è stata possibile grazie al fondamentale contributo, sia economico che realizzativo, di CDR.

La serie dei capolavori di Romoli ripercorre la vita e la ricerca di questo esponente dell’arte contemporanea inquieto e indipendente.

Il presidente di CDR, Luciano Romoli, riassume così il senso di questa iniziativa: "Il rapporto di amicizia che mi legava a Mario ha costituito lo stimolo per rendere possibile la realizzazione di questa esposizione, attraverso un’ampia attività di consulenza e di collaborazione diretta, oltre al coinvolgimento di alcuni settori dell’azienda."

Cornice dell’'evento sarà inoltre la raccolta del museo della Vite e del Vino ospitato nella cantine della villa medicea: in mostra strumenti e macchinari per la coltivazione della vite e la produzione del vino, in uso tra 1930 e 1960; vetri soffiati del Settecento; filmati, documenti e fotografie d’epoca.